19 gennaio 2017 redazione@sora24.it
LETTO 552 VOLTE

Venerdì 20 suggestivo incontro nella magnifica cripta della Basilica di San Domenico in Sora. Relatore, l’Ing. Paolo Accettola

Sora, venerdì 20 gennaio 2017, ore 17,00, Abbazia di S. Domenico, Cripta: Vedutisti europei del XVIII-XIX secolo a Casamari e presso San Domenico di Sora. Relatore: ing. Paolo Accettola, socio del Centro di Studi Sorani.

Il relatore parlerà del suo saggio “Vedutisti europei del XVIII-XIX sec. a Casamari e presso San Domenico di Sora”, recentemente pubblicato su “Rivista Cistercense” dell’Abbazia di Casamari, che riprende le pubblicazioni del periodico dopo una interruzione di circa un anno e mezzo: clicca qui.

Il saggio è basato su una serie di ricerche e documentazioni intraprese per uno studio inerente la ricostruzione 3D della città di Sora a fine Ottocento, che ha reso necessario il reperimento e l’analisi di immagini e foto storiche della città e del territorio: P. Accettola-G. Accettola, La Sora scomparsa di fine ‘800. Una ricostruzione virtuale della città a 100 anni dal terremoto della Marsica del 1915, in «Archeomatica», n. 2, giugno 2015, pp. 22-27.

Il saggio sui vedutisti riporta numerose immagini di quadri, disegni ed acquerelli per la maggior parte inedite agli studiosi che si sono fin qui occupati di Casamari, San Domenico di Sora e la Valle del Liri. Per la prima volta le immagini sono state contestualizzate e collegate tra loro in un percorso organico, tra storia dei luoghi ed arte. Lo studio potrebbe essere un utile spunto di ricerca ed ulteriore approfondimento del complesso fenomeno del Grand Tour nel territorio di Sora ed Isola del Liri, del contesto storico in cui è avvenuto, oltre che delle notevoli implicazioni sociali e culturali che ne sono derivate e riguardanti anche il processo di industrializzazione di inizio Ottocento nella Valle del Liri. Le terre del Ducato di Sora, e più tardi della Terra di Lavoro, sono state tra le più visitate ed ambite dagli studiosi ed amanti dell’arte e del bello provenienti da tutta Europa, e sono state raffigurate nelle opere di straordinari artisti stranieri, oggi esposte nei più importanti musei e collezioni di tutto il mondo.

Si ringraziano padre Felice Calò e il priore padre Sante Bianchi per l’ospitalità dell’incontro nella suggestiva cripta della millenaria Abbazia dove riposano e sono venerate le reliquie di san Domenico.

studisorani@tin.it
www.centrodistudisorani.it

Si ringrazia la stampa locale per la collaborazione
preside Luigi Gulia
presidente del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca”

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu