Venerdì a Sora incontro di musica e letture per ricordare la sciagura della Shoah

Un’occasione da non perdere per enfatizzare, con le emozioni che l’arte ci suggerisce, la disponibilità a costruire una società migliore e tollerante che rifiuti ogni genere di violenza e di oblio negazionista

Venerdì 27 gennaio, alle ore 18,30, presso la chiesa di S. Spirito in Sora si terrà un incontro di musica e letture per ricordare, in maniera collettiva, la sciagura della Shoah e la tragedia della guerra e della violenza in genere.

In luogo di ricordare esclusivamente dal punto di vista storico e filologico gli accadimenti che hanno devastato le coscienze dell’intera umanità, l’Amministrazione comunale di Sora, in collaborazione con l’assessorato alla cultura, propone, con l’esibizione musicale del duo Gemmiti accompagnati da Claudio Campadello, con le letture di Ivano Capocciama e Rosaria Bedani di brani di letteratura e poesie, e gli interventi di Michele Ferri e Bruno La Pietra, una riflessione emotiva e profonda della memoria come necessità di progresso morale e civile.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Promozione valida fino al 22 Settembre 2020.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...

Nicola Guida debutta a Vallelunga sulla CUPRA della Scuderia del Girasole

L’imprenditore romano è un rookie del TCR Italy e dopo aver già disputato i primi tre round della stagione, gareggerà ...

CORONAVIRUS - La Lattoferrina può essere utile per la prevenzione del Covid

La Lattoferrina ha dato ottimi risultati contro il Covid: una portentosa scoperta frutto dell'egregio lavoro di squadra condotto dalle università ...

Cerchi un bed and breakfast a Roma centro? Te ne consigliamo uno veramente centrale

Scegliere il luogo del proprio pernottamento romano è facile o complicato, dipende dai punti di vista, perché l’assortimento è così vasto ...