3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 438 VOLTE

Verde Liri è contraria alla riduzione dei consorzi di bonifica da dieci a due e spiega il perché

Forti sono i timori per l'efficienza degli interventi di un organismo lontano dal territorio in sostituzione del Consorzio di bonifica Conca di Sora

Di seguito la lettera che l’Associazione Verde Liri hanno inviato ai rappresentanti istituzionali regionali, tra cui il Presidente Nicola Zingaretti.

«La riduzione dei Consorzi di bonifica nel Lazio da dieci (10) a due (2) risponderebbe a criteri di risparmio della spesa introdotti con un decreto legge nel 2012 dal governo Monti. L’iniziativa della Giunta regionale è tesa a diminuire i componenti dei Consigli di Amministrazione e Comitati esecutivi, con un risparmio previsto di circa un milione di euro l’anno.

Alla nostra Associazione, impegnata nel territorio della Media valle del Liri in difesa dell’ambiente, la proposta appare non priva di rischi per la funzionalità dei servizi assicurati attualmente dagli Enti di bonifica territoriali. Ad esempio, per quanto ci riguarda più da vicino, forti sono i timori per l’efficienza degli interventi di un organismo lontano dal territorio in sostituzione del Consorzio di bonifica Conca di Sora, che oggi svolge un ruolo importante e difficilmente sostituibile nella salvaguardia dell’assetto idrogeologico, in particolare nella manutenzione quotidiana della funzionalità della rete idrologica superficiale e la prevenzione da frane.

La centralizzazione di questa attività a livello regionale potrebbe causare una riduzione di attenzione e tempestività di intervento, anche progettuale, sulle diversificate problematiche locali sopra accennate. Nel medio periodo, la scarsa manutenzione dei canali e delle forme di fondo valle e dei versanti montuosi, potrà provocare danni gravissimi all’agricoltura, all’artigianato, alle industrie, alle abitazioni civili ubicati in ambiti ad alto rischio idraulico, con costi successivi incalcolabili e di gran lunga superiori al risparmio ora enunciato.

La spesa per le attività ordinarie, potrebbe in futuro azzerare il risparmio ottenuto in quanto organismi troppo grandi tendono a far aumentare i costi degli interventi e dei servizi come già si sta verificando per la gestione delle acque potabili. Si tratterebbe quindi di un miope conteggio economico, ma anche di un ulteriore spoliazione dei territori da Enti autonomi a favore di organismi centrali fortemente politicizzati che negli ultimi tempi non hanno sempre dato prova di efficienza.

Nel caso della Conca di Sora, si compirebbe una sottrazione di democrazia e un atto giuridicamente discutibile, in quanto l’Ente in questione vanta una tradizione di forte autonomia gestionale dei proprietari dei fondi agricoli che versano quote annuali per il sostentamento delle attività ed eleggono direttamente il Consiglio di Amministrazione.
Gli attuali Consorzi di bonifica sono certamente migliorabili in molti aspetti; ad esempio nella trasparenza degli obiettivi e dei risultati, nei bilanci economici, nella implementazione tecnica e scientifica con Istituti di Ricerca e Università. Ulteriormente a questi andrebbe assegnata con maggiore capacità funzionale nella salvaguardia complessiva del territorio, particolarmente dal punto di vista ambientale, anche a garanzia di una buona qualità della produzione agricola.

A nostro avviso è necessario conservare una dimensione territoriale limitata, controllabile dalla cittadinanza, come oggi in parte avviene, quindi con ambiti ottimali legati a tradizionali bacini naturali cosi come già esistenti.
L’attuale tendenza alla centralizzazione (per noi di borbonica memoria) non potrà che deprimere le economie locali privandole della gestione diretta delle risorse naturali e culturali. Per questo chiediamo di fermare l’iniziativa di legge regionale in corso mirante ad unificare i Consorzi di bonifica che potrebbe rivelarsi nel tempo disastrosa per l’assetto idrogeologico e per l’agricoltura della Regione Lazio e per quanto ci riguarda per la Media valle del Liri».

Il Presidente
Annamilena Savino

Il Responsabile ambiente
Loreto Tersigni  

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu