mercoledì 5 febbraio 2014

“Il Comune di Sora non sborserà un solo euro”. Tersigni chiarisce su Sistema di Protezione per i richiedenti Asilo e rifugiati

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma del Sindaco di Sora, Ernesto Tersigni.

“Il Comune di Sora, insieme ad altri 366 enti, è entrato nella rete SPAR nazionale, Sistema di Protezione per i richiedenti Asilo e rifugiati, ottenendo dal Ministero dell’Interno un finanziamento per il triennio 2014/2016, di un importo complessivo di € 931.510,42. Tale somma trova copertura nel Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo, gestito dal Ministero stesso, che assegna contributi in favore degli Enti locali che presentino progetti destinati all’accoglienza.

L’iniziativa, presentata in partenariato con la Cooperativa sociale Ethica e la Caritas Diocesiana, servirà per l’accoglienza, l’integrazione e la tutela di donne e bambini, nei 25 posti a disposizione. Fatta questa doverosa premessa, è sconcertante che sul giornale online “Sora24” sia apparso un articolo denigratorio della rilevante problematica dell’immigrazione e dell’accoglienza e fuorviante rispetto la compartecipazione economica dell’Ente Comune sul finanziamento ottenuto (ndr clicca qui per leggerlo).

Ormai abituato a mistificazioni quotidiane e ritenendo gli artefici non meritevoli di repliche, il pensiero era di non rispondere anche questa volta. Purtroppo, leggendo i commenti all’articolo stesso, mi sono chiesto se ci fosse un limite invalicabile anche per le stupidaggini e se fosse giusto tacere su un argomento cosi delicato e lasciare spazio a notizie totalmente infondate.

Certi pseudo intellettuali che non riescono a leggere e capire nemmeno il più elementare atto amministrativo, sono riusciti, anche questa volta, a stravolgere un progetto chiaro e facilmente interpretabile, facendo passare, in maniera errata, la notizia che il Comune di Sora, partner del progetto, dovrebbe partecipare con la somma di euro 233.002,29. Niente di più falso! Il Comune di Sora non sborserà un solo euro.

La compartecipazione al progetto sarà garantita attraverso l’erogazione di beni e servizi dalla Cooperativa Ethica e dalla Caritas diocesana, mentre il Comune di Sora parteciperà con personale qualificato, senza alcun costo aggiuntivo per l’Ente.

Chi ha commentato con indignazione l’articolo, dovrebbe, a questo punto, rivolgere il proprio sdegno non all’Amministrazione comunale ma a chi “specula” sul disagio che tanti nostri concittadini patiscono. Questa Amministrazione attua una gestione oculata, è attenta a tutte le richieste dei cittadini perseguendo sempre l’interesse comune anche di donne e bambini che con difficoltà cercano un percorso d’inserimento nel tessuto sociale che gli garantisca dignità.”

IL SINDACO
Ernesto Tersigni

Commenti

wpDiscuz
Menu