16 settembre 2013 redazione@sora24.it
LETTO 1.419 VOLTE

L’Amministrazione Comunale risponde alle polemiche riguardo al soggiorno per gli anziani a Rodi Garganico

L’Amministrazione Comunale risponde sul sito istituzionale (clicca qui per leggere l’articolo integrale) alle polemiche riguardo al soggiorno per gli anziani a Rodi Garganico (clicca qui per leggere l’articolo dell’opposizione).

“… quest’anno abbiamo concentrato le nostre energie e risorse al fine di garantire ai partecipanti una vacanza che non fosse solo una trafila di piatti ricolmi di cibo su di un tavolo, una vacanza incentrata sul cibo ma priva di contenuti, monotona e ripetitiva in un luogo che non avesse molto da offrire. Abbiamo cercato di dare più rilievo al “nutrimento dello spirito” anziché a quello dello stomaco (sempre che si voglia considerare povero un menù che prevedeva due primi a pranzo e due primi a cena, più secondo, contorno, frutta, acqua, vino, ecc.).

Abbiamo organizzato una vacanza in un luogo rinomato (la prima settimana nel mese di agosto) pieno di gente con cui interagire, pieno di stupendi panorami, con una spiaggia bellissima, un mare splendido e pulito a cui è stata assegnata la bandiera blu.

Abbiamo organizzato una vacanza che non fosse solo un diversivo dal solito tran tran cittadino ma un soggiorno che fosse sinonimo di esperienza, di divertimento e opportunità, abbiamo dato voce a coloro che chiedevano un cambiamento, che chiedevano attenzione. Qualcuno ha detto che i nostri anziani sono stati trattati “peggio dei maiali”, il nostro obiettivo non era certo quello di mettere la nostra gente all’ingrasso con gli occhi fissi sul piatto e se qualcuno, tra quelli che si sono lamentati, avesse alzato gli occhi avrebbe visto un mondo nuovo e le tante possibilità che gli erano offerte, avrebbe notato l’attenzione e la cura nelle cose di tutti i giorni e la bellezza di un luogo e di una vacanza che aveva tanto da offrire.

Questo abbiamo cercato di offrire ai nostri anziani, ci siamo riusciti? Secondo l’86,24% dei partecipanti sì, ci siamo riusciti, per il 13,76 % non ci siamo riusciti.

Infatti, gli uffici dei servizi sociali hanno provveduto a fornire ad ogni partecipante una scheda con cui valutare i vari aspetti del soggiorno, su 120 partecipanti hanno compilato e restituito la scheda di valutazione in 109. I dati raccolti ed elaborati hanno dato i risultati che di seguito riassumiamo:

  • cortesia personale negativa 26, 60% positiva 73,40%
  • pulizia hotel negativa 4,59% positiva 95,41%
  • comfort camere negativa 12,84% positiva 87,16%
  • qualità dei servizi negativa 37,61% positiva 62,39%
  • rapporto qualità prezzo negativa 21,10% positiva 78,90%
  • qualità soggiorno negativa 13,76% positiva 86,24%

Vogliamo, quindi, rassicurare i Consiglieri comunali tanto allarmati e preoccupati che si tratta di voci destituite da ogni fondamento e messe in giro ad arte sempre dagli stessi soggetti che ogni anno creano problemi a prescindere dalla destinazione scelta.

Gli anziani meritano, ed hanno da parte di questa Amministrazione, la massima attenzione e considerazione, si vedano le tante iniziative di cui sono destinatari: a partire dalla gestione dei centri anziani, dall’organizzazione del soggiorno estivo, dal trasporto per le cure termali, alla festa di Natale, alle risorse destinate all’assistenza domiciliare, i tanti interventi dei servizi sociali e la costruenda nuova sede per i centri anziani.

Quest’Amministrazione è da sempre aperta e trasparente, quindi invitiamo i vari De Donatis, Petricca, Baratta ed Ascione a proporre, quando sarà il momento, località e strutture che diano servizi ancora migliori ai nostri anziani e, comunque, a partecipare alla scelta della destinazione. Si smetta, però, di strumentalizzare, nel peggiore dei modi, gli anziani, usandoli per sterili “interessi di bottega”. E’ forse il caso di polemizzare sulla quantità di 4 primi consumati durante i pasti quando i servizi sociali ogni giorno devono affrontare e cercare di risolvere situazioni di persone che veramente non riescono a mettere un pasto a tavola? Non sarebbe più giusto occuparsi di tali problematiche?

Vogliate, inoltre prima di creare inutili allarmismi informarvi presso gli uffici preposti, che per inciso non hanno ricevuto nessuna lamentela, sulla veridicità delle notizie apprese magari davanti a qualche bar cittadino.”

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu