29 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.199 VOLTE

L’Assessore D’Orazio replica all’Avv. Bono

Desidero con questa nota chiudere le mie repliche alle dichiarazioni che l’Avv. Rosalia Bono ha rilasciato alla testata on-line “Sora 24” nei giorni scorsi (ndr CLICCA QUI PER LEGGERLE).

Fin dal suo insediamento l’Amministrazione Tersigni ha avuto grande attenzione per l’ambiente, le tematiche ecologiche, il decoro urbano ed il verde pubblico. Sono numerosissime le iniziative che ho portato avanti e che ho in progetto, in veste di Assessore all’Ambiente. L’Avv. Bono può stare tranquilla: sono davvero instancabile nel tutelare il benessere e la qualità di vita dei cittadini sorani. La mia è un’azione politica chiara e senza compromessi. Vorrei ricordare alla Bono che nella passata amministrazione, nonostante fossi stata eletta nella maggioranza di centro-sinistra, non condividendo più la linea politica ed amministrativa del Governo Casinelli, sono entrata in minoranza. Per due anni ho cercato di mettere le mie idee ed il mio bagaglio di esperienze al servizio dell’allora sindaco ma non mi è stato mai possibile dare un contributo visto che ero all’opposizione.

Non mi parli, invece, di coerenza chi, come l’Avv. Bono, ha occupato la poltrona di Difensore Civico per tutto il mandato della passata amministrazione di centro-sinistra dalla quale mi risulta si sia alzata  alla vigilia delle ultime elezioni, candidandosi con il centro-destra.

Passiamo ora alla vicenda del taglio dei tre pini, all’interno dell’area privata condominiale in Via Matteotti, 5, che è diventato un argomento sul quale l’Avv. Bono ha costruito e continua a elaborare una sterile polemica politica.

Torno a ribadire che il Comune di Sora, dopo la richiesta di taglio degli alberi presentata dal Condominio “San Rocco” in data 1° luglio 2012, ha provveduto a svolgere l’iter previsto dalla normativa vigente per quanto di sua competenza. L’Ufficio Ambiente ha dato relativa comunicazione del procedimento alle altre Autorità preposte e, cioè, al Corpo Forestale dello Stato e al Comando della Polizia Locale.

Dopo avere proceduto a redigere tutti gli atti di nostra competenza, che sono peraltro consultabili presso la sede comunale, non possiamo essere chiamati in causa in una vicenda che ha assunto una dimensione completamente privata.

Si tratta di una controversia sorta tra uno dei condomini e l’amministratrice del condominio che mi meraviglio di come l’Avv. Bono, vista la professione che svolge, abbia reso pubblica su una testata on-line. Ricordo all’Avv. Bono che la causa dovrà essere discussa nelle sedi opportune come afferma anche l’Amministratrice del “Condominio San Rocco” Dott.ssa Sabina Orsini: “Prima di procedere al taglio degli alberi abbiamo provveduto ad ottenere tutte le autorizzazioni necessarie ed il Comune di Sora ha svolto pienamente il ruolo di sua competenza. Ora la questione sarà affrontata dinanzi al giudice. È solo il Tribunale la sede nella quale mi confronterò con il condomino che contesta l’abbattimento dei pini. Un abbattimento purtroppo necessario per preservare la pubblica incolumità dei residenti come testimonia anche la perizia del nostro agronomo. Tengo a dire che il condominio non è affatto insensibile alle problematiche ambientali ed ha già provveduto alla messa a dimora di nuove piante”.

Ricordo, poi, alla Bono che parla di una riattivazione della Consulta delle Associazioni Ambientali che tale organo non è mai stato istituito presso il Comune di Sora. Come si può riattivare qualcosa che non è mai esistito?

Vorrei anche rispondere all’Avv. Bono in merito al “pericolo ecologico” da lei ventilato per quanto riguarda la discarica Ara Frocella.

L’Avv. Bono può stare tranquilla perché, come Assessore all’Ambiente, continuo a portare avanti a pieno ritmo i lavori sull’area previsti dall’Accordo di Programma Quadro che ha beneficiato di fondi europei per un importo pari a 1.193.000 euro. La prima parte dell’intervento, che prevedeva la messa in sicurezza dell’area, è terminata. Sta partendo la seconda tranche di lavori con la caratterizzazione del sito cioè una serie di analisi chimiche e tecniche per accertare l’eventuale presenza di elementi inquinanti. Poi si procederà all’asportazione del percolato all’interno della discarica.

Una rassicurazione anche in merito alla situazione che l’Ambiente S.p.A si trova a vivere. E’ volontà di quest’Amministrazione salvaguardare i lavoratori della società e ci stiamo attivando per risolvere la situazione nel migliore dei modi.

Vorrei dire all’Avvocato Bono, la quale ben conosce la disponibilità che mostro sia nello svolgimento della mia professione che nella mia veste istituzionale, che sono a sua piena diposizione per un confronto diretto su problematiche e argomenti inerenti alla città. La sede opportuna per discutere di tali tematiche resta quella istituzionale per cui invito Rosalia Bono ad evitare di fare esternazioni fini a se stesse sui media ma di venire, piuttosto in Municipio, per incontrarmi e discutere di ciò che ritiene opportuno.

L’Assessore Maria Paola D’Orazio

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu