lunedì 14 aprile 2014

SORA – Omicidio Mario Grossi, aggiornamento ore 14:10

«Potrebbe essere riuscito a raggiungere la sponda del fiume, magari il corpo è nel bosco». «La corrente potrebbe averlo trascinato fino alla diga di Valfrancesca, forse oltre». «Non meritava questa fine». Queste alcune delle impressioni raccolte tra le tante persone che stanno seguendo nella zona di Compre, alla periferia nord di Sora, le operazioni di ricerca del corpo di Mario Grossi, 78enne sorano che, stando a quanto affermato da un testimone, ieri pomeriggio sarebbe stato ucciso e gettato nel Liri da due uomini: Angelo Pellegrini e Sante Cipollone, a loro volta arrestati e trasferiti nel carcere di Cassino, con l’accusa di omicidio volontario.

Le operazioni di ricerca del cadavere dell’anziano ex giardiniere di Sora, da poco vedovo, finora non hanno dato riscontro. Carabinieri, Vigili del Fuoco, Polizia e Vigili Urbani stanno presidiando ed ispezionando un vasto tratto del Liri ed anche la zona circostante. Da Roma è arrivata a dar manforte anche l’unità sommozzatori del 115, ma di Mario Grossi ancora nessuna traccia. Le ricerche probabilmente proseguiranno fino a fine giornata.

Commenti